Luci ed ombre di Cobh

May 24, 2018
By

Se vivete da un po’ di tempo a Cork, non vi suonerà sicuramente nuovo il nome di Cobh. Molto spesso, anzi, cercando su internet le foto della Rebel City (a chi non capita di farlo nel periodo pre-partenza?) capita di imbattersi in qualche immagine della cittadina di Cobh, nota per i suoi splendidi colori ma anche per il suo passato un po’ sfortunato.

La vicinanza a Cork (circa 20 minuti di autobus), inoltre, la rende una meta facilmente raggiungibile e ideale per una gita fuori porta, per scoprire quei villaggi irlandesi tanto sognati in passato.

Cobh

pixabay.com

Cobh si presenta quindi come un piccolo villaggio portuale ricco di vitalità, ben visibile nei colori accesi e caldi che ricoprono le pareti delle case.
Cobh è però anche tristemente famosa non solo per essere il porto da cui partì il Titanic nel 1912, ma anche per aver visto nelle sue acque il naufragio del transatlantico Lusitania: non proprio un porto fortunato si direbbe! Eppure da qui, all’inizio del secolo scorso, sono partiti migliaia di migranti irlandesi in cerco di un destino migliore nelle braccia dell’America, ed è questo il motivo per cui vi sono diverse testimonianze raccolte al museo di Cobh, una delle attrazioni che vi consiglio di visitare.

Cobh

Pixabay.com

Se siete interessati alla storia del Titanic, invece, potete approfondire l’argomento grazie alla Titanic Experience e al Titanic Trail Walking Tour, che vi porteranno a conoscenza dei dettagli meno noti di questo triste viaggio, oppure potete direttamente partecipare alle commemorazioni annuali che si tengono in città in ricordo della tragedia.

Infine, merita una visita anche la Cattedrale di St. Coleman, un gioiello architettonico che spicca in mezzo al villaggio colorato… Spettacolare!

 

Greta Gontero

Tags: , , ,

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *